Aprile 2014

Toscana

Il mese di aprile 2014 si è caratterizzato in Toscana per temperature superiori alle medie del periodo e per precipitazioni irregolarmente distribuite nel territorio regionale.

Il mese iniziava con condizioni anticicloniche che caratterizzavano i primi tre giorni del mese. Tra il giorno 4 e il giorno 5 il transito di un’area depressionaria sul Mediterraneo centrale determinava condizioni di tempo perturbato con precipitazioni su gran parte del territorio regionale. Successivamente, tra il giorno 6 e il giorno 7 si ristabilivano condizioni anticicloniche associate a condizioni di tempo stabile e soleggiato con temperature in aumento soprattutto nei valori massimi. Il giorno 8 il transito di un fronte freddo sulle Alpi determinava un aumento della copertura nuvolosa con associate precipitazioni sulle aree settentrionali della regione; il giorno successivo fenomeni da instabilità pomeridiana interessavano in modo sparso le aree interne della Toscana meridionale. La prima decade del mese si concludeva con un ulteriore miglioramento delle condizioni meteorologiche fino a cielo sereno o poco nuvoloso.
La seconda decade iniziava con condizioni di cielo sereno o poco nuvoloso associate a sviluppo di nuvolosità pomeridiana sulle zone interne, che il giorno 12 originavano temporali sparsi termoconvettivi su Appennino lucchese, Colline Metallifere e sulle zone orientali della regione; il giorno 13 i temporali termoconvettivi divenivano più organizzati interessando in modo sparso gran parte del territorio regionale. Il giorno successivo il ciclo diurno dell’attività termoconvettiva si limitava ad annuvolamenti pomeridiani sulle zone interne. Il giorno 15 l’attivazione di correnti fredde settentrionali determinava un graduale e rapido aumento della nuvolosità associata a rovesci e temporali sparsi in veloce trasferimento dalle aree appenniniche al rimanente territorio regionale; il giorno successivo si verificava una generale attenuazione della nuvolosità e dei fenomeni, che nelle prime ore della giornata assumevano carattere nevoso al di sopra degli 800 metri lungo il tratto centro-orientale della dorsale appenninica. Il giorno 17 si ristabilivano condizioni di cielo sereno o poco nuvoloso, seppur ancora in presenza di residue correnti settentrionali, mentre nel corso della giornata successiva si verificava un graduale aumento della copertura nuvolosa in arrivo da ovest per la formazione di un’area di bassa pressione sul Mar Ligure, che il giorno 19 faceva transitare una perturbazione associata a rovesci e temporali che interessavano quasi tutto il territorio regionale. La seconda decade si concludeva con un temporaneo miglioramento delle condizioni meteorologiche.
La terza decade iniziava con un nuovo aumento della copertura nuvolosa associata a precipitazioni sulla Toscana nord-occidentale, mentre nelle zone interne della Toscana centrale si verificavano locali fenomeni pomeridiani di origine termoconvettiva; nelle giornate successive tra il 22 e il 26 si ristabilivano condizioni di cielo sereno o poco nuvoloso con nuovo sviluppo di nuvolosità termoconvettiva pomeridiana associata a locali rovesci e temporali, soprattutto sulle zone interne. Tra il giorno 27 e il giorno 30 il transito di una serie di perturbazioni in sequenza apportava nuove precipitazioni su quasi tutto il territorio regionale, tra loro intervallate da temporanei miglioramenti il più duraturo dei quali si verificava nel corso del giorno 29.

Dal punto di vista termico il mese di aprile ha chiuso con anomalie positive distribuite su tutto il territorio regionale, in particolare anomalie comprese fra fra +2 °C e +3 °C si sono avute su Lunigiana, Garfagnana, Pistoiese, Pratese, parte della Romagna Toscana, Casentino, Valtiberina e parte della Maremma con limitati picchi oltre i +3 °C lungo il crinale appenninico Lucchese e Pistoiese mentre anomalie comprese fra +1 °C e +2 °C si sono avute su Versilia, Apuane, Pisano, parte meridionale del Livornese, Valdarno Medio, Mugello, parte della Romagna Toscana, Chianti fiorentino, Valdarno superiore, Pratomagno, Valdichiana, Arcipelago, Grossetano (eccetto alcune aree della Maremma) e Senese infine anomalie inferiori al grado si sono avute sulla parte settentrionale del Livornese e a Capraia.

Queste sono le anomalie delle temperature medie mensili elaborate rispetto alla media 1971-2000 (reanalisi elaborata dal Consorzio LaMMA).

Dal punto di vista pluviometrico il mese di aprile ha visto la regione pressoché divisa in due con anomalie negative che hanno prevalso nella parte settentrionale e anomalie positive che hanno prevalso in quella meridionale. Scendendo in dettaglio il deficit maggiore si è avuto in versilia dove è stato di oltre il -50% mentre anomalie comprese tra lo 0% e il -50% si sono avute in Lunigiana, Garfagnana, Apuane, lungo la costa Pisana e parte di quella Livornese, Valdarno Inferiore e Medio, Mugello e Pratomagno. Per quanto riguarda le anomalie positive il surplus maggiore si è avuto sull’Amiata con oltre il 100% più della norma, anomalie oltre il +50% si sono avute sul Senese e sul Grossetano mentre anomalie comprese fra lo 0% e il +50% si sono avute lungo tutto il crinale Appenninico (eccetto la parte pratese), sulla Romagna Toscana, nell’entroterra pisano, su Chianti senese, Colline Metallifere, Arcipelago, Valtiberina e parte del Valdarno superiore e della Valdichiana.

Queste le anomalie di precipitazione mensile elaborate sulla media 1984-2013 (reanalisi elaborata dal Servizio Idrologico Regionale per il report pluviometrico mensile).

Non sono da segnalare nuovi record meteorologici mensili in Toscana.

Estremi termometrici mensili regionali:
Temperatura massima mensile
Scandicci San Giusto (SIR) +27,5 °C il 07/04/2014
Temperatura minima mensile
Lago Scaffaiolo (ARPA Emilia-Romagna) -5,7 °C il 16/04/2014
Passo della Croce Arcana
(AsMER) -5,7 °C il 16/04/2014

© 2014 All rights reserved.

 

Italia

Il mese di aprile 2014 in Italia si è caratterizzato per temperature nettamente superiori e per precipitazioni leggermente sueriori alle rispettive medie di riferimento climatico.

In base ai dati elaborati dall’ISAC CNR, a livello nazionale le temperature medie hanno fatto registrare un’anomalia positiva di +1,84 °C rispetto alla media termometrica trentennale 1971-2000, facendo classificare così il suddetto mese al 10° posto tra i mesi di aprile più caldi dal 1800 in poi (aprile più caldo il 2007 con +3,17 °C, aprile più freddo il 1809 con -3,73 °C). Le massime anomalie positive, superiori ai +2,5 °C, si sono verificate su Valle d’Aosta, Piemonte settentrionale, Lombardia nord-orientale, Trentino-Alto Adige, Veneto centro-settentrionale e gran parte del Friuli-Venezia Giulia; al contrario, le anomalie positive sono risultate contenute entro i +0,5 °C sull’estremità sud-occidentale della Sicilia.

Sempre in base ai dati elaborati dall’ISAC CNR, a livello nazionale le precipitazioni cumulate mensili hanno fatto registrare un lieve surplus del 9% rispetto alla media pluviometrica trentennale 1971-2000, che ha fatto classificare il suddetto mese all’80° posto tra i mesi di aprile più piovosi e al 133° posto tra i mesi di aprile più siccitosi dal 1800 in poi (aprile più piovoso il 1879 con surplus del +98%, aprile più siccitoso il 1844 con deficit del -88%). I maggiori surplus pluviometrici, superiori al +200%, sono stati registrati sulla Puglia centro-meridionale e sulla Basilicata sud-orientale; al contrario, sono stati registrati deficit pluviometrici su gran parte delle regioni centro-settentrionali, sulla Sardegna settentrionale e sulla Sicilia con valori deficit oltre il -50% sull’estremo Ponente Ligure e sulle Alpi sud-occidentali.

Di seguito sono indicati i nuovi record meteorologici registrati nel corso del mese dalle stazioni meteorologiche della rete AM/ENAV dal 1951 in poi.

Record termometrici

Nuovi record di temperatura massima media mensile più elevata
Olbia Costa Smeralda (ENAV) +20,74 °C (precedente +20,72 °C dell’aprile 2006);
Milano Malpensa (ENAV) +19,32 °C (precedente +19,28 °C dell’aprile 1975);
Monte Terminillo (AM) +7,6 °C (precedente +7,4 °C dell’aprile 2000).

Nuovi record di temperatura minima media mensile più elevata
Ravenna Punta Marina (AM) +12,17 °C (precedente +12,16 °C dell’aprile 1961);
Venezia Tessera (ENAV) +11,00 °C (precedente +10,70 °C dell’aprile 1961);
Cervia Pisignano (AM) +9,50 °C (precedente +9,20 °C dell’aprile 2009).

Record pluviometrici

Nuovo record di precipitazione massima giornaliera

Domenica 27 aprile 2014
Treviso Sant’Angelo (AM) 67,4 mm (precedente 52,2 mm del 07/04/1990).

Estremi termometrici mensili ufficiali nazionali:
Temperatura massima mensile
Bolzano San Giacomo (ENAV) +28,6 °C il 24/04/2014
Temperatura minima mensile
Plateau Rosa (AM) -14,6 °C il
19/04/2014

© 2014 All rights reserved.

Print Friendly

Lascia un commento