Agosto 2013

Toscana

Il mese di agosto 2013 in Toscana si è caratterizzato a livello regionale per temperature superiori alle medie di riferimento climatico e per precipitazioni al di sotto delle medie mensili.

Il mese iniziava con il rinforzo dell’anticiclone subtropicale continentale che caratterizzava le condizioni meteorologiche della prima settimana di agosto, con temperature sensibilmente superiori alle medie del periodo e con picchi massimi raggiunti il giorno 7 nelle pianure interne con valori fino a 39-40 °C nella piana fiorentina.
Una prima svolta avveniva il giorno 8 con l’innesco di venti umidi prefrontali meridionali a cui seguivano in serata precipitazioni temporalesche sulle aree costiere e sublitoranee della Toscana centro-settentrionale e sull’isola d’Elba; i fenomeni insistevano nel corso della notte successiva sul basso Livornese, sull’isola d’Elba e nell’area tra l’isola del Giglio e il promontorio dell’Argentario, mentre nel pomeriggio temporali sparsi interessavano le aree orientali della regione.
La prima decade si concludeva con un nuovo aumento della pressione atmosferica e con un generale miglioramento delle condizioni atmosferiche.
Tra il giorno 11 e il giorno 13 l’espansione orientale dell’anticiclone delle Azzorre determinava condizioni di tempo stabile con temperature massime nuovamente superiori alle medie del periodo ma su valori inferiori a quelli della precedente ondata di calore.
Il giorno 14 il temporaneo cedimento del campo di alte pressioni determinava il passaggio di una perturbazione sulle regioni settentrionali che accentuava le condizioni di instabilità nelle ore pomeridiane nelle aree interne della Toscana con associate precipitazioni temporalesche nell’area metallifera (con locali accumuli superiori ai 70 mm) e nella zona amiatina, oltre a fenomeni deboli in prossimità della dorsale appenninica.
Tra il giorno 15 e il giorno 18 nuovo ritorno di condizioni di tempo stabile per una nuova espansione dell’anticiclone delle Azzorre verso l’Italia.
Il giorno 19 l’ingresso di una saccatura nord-atlantica nella seconda parte della giornata determinava un graduale aumento della copertura nuvolosa associata a precipitazioni temporalesche che, tra la tarda serata del giorno 19 e le prime ore del giorno 20 interessavano gran parte della regione, con accumuli più elevati da ovest verso est in gran parte della Toscana centrale.
La terza decade iniziava con un nuovo aumento della pressione atmosferica che fino alla prima parte del giorno 24 determinava un ritorno a condizioni di tempo stabile e soleggiato.
Nella serata del giorno 24 si verificava un nuovo aumento della nuvolosità ad iniziare dal Mar Ligure per l’ingresso di una nuova saccatura atlantica che tra la notte successiva e la prima parte del giorno 25 determinava precipitazioni temporalesche su quasi tutto il territorio regionale, eccetto gran parte del Grossetano, con fenomeni che risultavano intensi sulla Toscana nord-occidentale e in prossimità dell’Appennino Settentrionale; il giorno 26 residue precipitazioni sotto forma di rovescio o temporale interessavano la Toscana nord-occidentale, l’area amiatina e alcune zone della provincia di Arezzo.
Il giorno 27 le residue condizioni di instabilità determinavano rovesci temporaleschi nell’area amiatina (locali accumuli superiori ai 40 mm) e in modo più sparso sulla Toscana nord-occidentale e tra il Senese e l’Aretino.
Il giorno 28 si verificava nella prima parte della giornata il rapido transito di un fronte temporalesco in spostamento dal litorale livornese alle zone interne della Toscana centrale; il giorno 29 residui fenomeni di instabilità termoconvettiva interessavano la Toscana nord-occidentale, il Chianti, l’area amiatina e le zone interne del Grossetano.
Gli ultimi due giorni del mese si caratterizzavano per il ritorno dell’alta pressione che garantiva condizioni di tempo stabile con temperature massime nuovamente superiori alle medie del periodo.

Dal punto di vista termico il mese di agosto ha chiuso quasi su tutto il territorio regionale con anomalie positive salvo la Lunigiana e l’area amiatina che hanno visto il mese chiudere pressoché in media; le anomalie positive più marcate si sono verificate sul Grossetano e sull’Appennino pistoiese dove lo scarto è stato fra i 2 °C e i 3 °C mentre altrove le anomalie sono risultate generalmente comprese fra 1 °C e 2 °C, eccetto la costa settentrionale e il Fiorentino che si sono mantenuti al di sotto del grado di anomalia.

Queste sono le anomalie delle temperature medie mensili elaborate rispetto alla media 1971-2000 (reanalisi elaborata dal Consorzio LaMMA).
Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Dal punto di vista pluviometrico il mese di luglio ha chiuso prevalentemente in deficit salvo alcune aree appenniniche fra Pratese, Fiorentino, bacino del Marecchia nell’estremo oriente dell’Aretino, sul Massese, sulle Colline Metallifere e sull’area amiatina che hanno avuto lievi surplus: tutte aree favorite dai temporali pomeridiani in sviluppo sui rilievi; i maggiori deficit si sono invece verificati lungo tutto il litorale, sull’Arcipelago, sul Grossetano (eccetto la zona collinare delle Colline Metallifere), sulla parte centrale del Senese e sull’Aretino, dove l’ammanco è stato fra il 50% e il 75% con picchi anche superiori lungo la costa grossetana e in Valdichiana in prossimità del confine regionale; deficit generalmente compresi fra il 25% e il 50% altrove.

Queste le anomalie di precipitazione mensile elaborate sulla media 1983-2012 (reanalisi elaborata dal Servizio Idrologico Regionale per il report pluviometrico mensile).

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Di seguito sono indicati i record di temperatura massima mensile registrati in Toscana.

Lunedì 5 agosto 2013
Marradi Popolano (AsMER) +38,4 °C (precedente record mensile +37,5 °C del 24/08/2011);
Piancastagnaio Le Vigne (ARSIA) +37,8 °C (eguagliato il record mensile del 22/08/2012).

Martedì 6 agosto 2013
Monte Argentario (AM) +38,4 °C (precedente record della prima decade di agosto +37,6 °C del 07/08/2003; precedente record mensile ed assoluto +37,8 °C del 12/08/1998).

Estremi termometrici mensili regionali:
Temperatura massima mensile:
Firenze Città (ARSIA) +40,1 °C il 07/08/2013
Temperatura minima mensile:
Palazzo del Pero (SIR) +5,5 °C il 31/08/2013

 

Italia ed Europa

Il mese di agosto 2013 in Italia si è caratterizzato a livello nazionale per temperature superiori alle medie di riferimento climatico e per precipitazioni inferiori alle medie mensili.

In base ai dati elaborati dall’ISAC CNR, a livello nazionale l’anomalia positiva delle temperature medie è stata di +1,26 °C rispetto al trentennio di riferimento climatico 1971-2000, con anomalia massima superiore ai +2 °C tra Grossetano e Viterbese e con anomalia minima positiva sulla Sardegna nord-orientale dove il discostamento dalla media è stato molto contenuto.
Sempre in base ai dati elaborati dall’ISAC CNR, a livello nazionale il deficit pluviometrico mensile è stato del -11% rispetto alle medie trentennali 1971-2000, con deficit massimo tra il -75 e il -100% su gran parte della Toscana occidentale e all’estremità occidentale della Sicilia. Più in generale, le aree in deficit idrico sono state tutte le regioni settentrionali, la Toscana, l’Umbria, le Marche, l’Abruzzo, parte del Molise, il Salento e la Sicilia centro-occidentale; le altre aree hanno fatto registrare surplus pluviometrici variabili da zona a zona, con massimi superiori al 500% sulla Sardegna centro-meridionale.

Di seguito sono indicati i record di temperatura massima mensile registrati in Italia presso le stazioni della rete WMO e presso gli storici osservatori meteorologici.

Sabato 3 agosto 2013
Tarvisio (AM) +35,2 °C (precedente record mensile +34,0 °C del 13/08/2003, , serie storica dal 1946);
Dobbiaco (AM) +31,2 °C (precedente record mensile +30,4 °C del 20/08/2012, , serie storica dal 1946).

Domenica 4 agosto 2013
Monte Cimone (AM) +22,8 °C (eguagliato il record mensile del 23/08/2012, serie storica dal 1946).

Lunedì 5 agosto 2013
Aviano (USAF) +37,1 °C (precedente record mensile +37,0 °C del 15/08/1988 e del 05/08/2003);
Monte Cimone (AM) +24,0 °C (precedente record mensile +22,8 °C del 23/08/2012 e 04/08/2013, serie storica dal 1946).

Martedì 6 agosto 2013
Fucino (AM) +38,9 °C (precedente record mensile +38,4 °C del 25/08/2007; precedente record assoluto +38,5 °C del 29/07/2005);
Monte Argentario (AM) +38,4 °C (precedente record mensile ed assoluto +37,8 °C del 12/08/1998);
Urbino Osservatorio Serpieri (Università degli Studi di Urbino) +37,5 °C (precedente record mensile +37,3 °C del 03/08/2001);
Aviano (USAF) +37,2 °C (precedente record mensile +37,1 °C del 05/08/2013).

Mercoledì 7 agosto 2013
Alghero Fertilia (ENAV) +40,4 °C (precedente record mensile +40,1 °C del 23/08/1994);
Bologna Borgo Panigale (ENAV) +39,7 °C (precedente record mensile +39,5 °C del 04/08/1947 e dell’11/08/2003; precedente record assoluto +39,6 °C del 29/07/1983 e del 05/07/1999);
San Pietro Capofiume (ARPA Emilia-Romagna) +39,4 °C (precedente record mensile +38,7 °C del 24/08/2012; precedente record assoluto +38,8 °C del 19/07/2007);
Ozzano Settefonti (ARPA Emilia-Romagna) +37,1 °C (eguagliato il record mensile del 22/08/2012).

Altri record mensili da segnalare presso le stazioni meteorologiche italiane della rete AM/ENAV dal 1951 in poi hanno riguardato il record di temperature minime medie mensili di agosto più elevate alla stazione AM di Marina di Ginosa con +22,9 °C (precedente +22,8 °C dell’agosto 1998) e i record di temperature minime giornaliere più elevate per il mese di agosto registrati il giorno 5 e il giorno 6 alla stazione AM di Monte Cimone con +17,8 °C (precedente +17,2 °C del 09/08/1956), il giorno 7 alla stazione AM di Treviso Sant’Angelo con +25,4 °C (precedente +25,2 °C del 06/08/2003) e il giorno 8 alla stazione alla stazione AM di Rimini Miramare con +26,6 °C (precedente +26,4 °C del 17/08/1952).

Da segnalare, infine, i numerosissimi nuovi record di temperatura massima mensile e, in diversi casi anche di temperatura massima assoluta, che sono stati registrati in Europa nel corso del mese; di seguito ne sono riportati alcuni delle principali stazioni meteorologiche della rete WMO.

Sabato 3 agosto 2013
Ljubljana Bežigrad (Slovenia) +38,3 °C (precedente record mensile +37,3 °C del 13/08/2003, serie storica dal 1899);
Kocevje (Slovenia) +37,9 °C (precedente record mensile e assoluto +36,9 °C del 13/08/2003, serie storica dal 1961);
Brno Turany (Repubblica Ceca) +37,8 °C (precedente record mensile e assoluto +37,1 °C il 20/08/2012, serie storica dal 1958);
Slovenj Gradec (Slovenia) +37,7 °C (precedente record mensile +35,3 °C del 13/08/2003, precedente record assoluto +36,8 °C del 05/07/1950, serie storica dal 1961);
Ljubljana Brnik (Slovenia) +37,3 °C (precedente record mensile e assoluto +36,7 °C del 13/08/2003);
Rateče Planica (Slovenia) +35,8 °C (precedente record mensile +34,3 °C del 13/08/2003, serie storica dal 1961).

Domenica 4 agosto 2013
Rijeka Kozala (Croazia) +39,2 °C (precedente record mensile +38,1 °C del 20/08/1992);
Ljubljana Bežigrad (Slovenia) +38,4 °C (precedente record mensile e assoluto +38,3 °C del 03/08/2013);
Postojna (Slovenia) +36,8 °C (precedente record mensile +35,4 °C il 21/08/2012; precedente record assoluto +35,9 °C il 06/07/1957);
Vojsko (Slovenia) +31,7 °C (precedente record mensile +30,5 °C il 23/08/2011; precedente record assoluto +30,5 °C il 21/07/2006 e 23/08/2011);
Zavižan (Croazia) +28,2 °C (precedente record mensile +27,2 °C il 02/08/1998; precedente record assoluto +27,6 °C il 27/07/1983).

Martedì 6 agosto 2013
Ljubljana Bežigrad (Slovenia) +38,6 °C (precedente record mensile e assoluto +38,4 °C del 04/08/2013).

Mercoledì 7 agosto 2013
Ljubljana Bežigrad (Slovenia) +39,5 °C (precedente record mensile e assoluto +38,6 °C del 06/08/2013);
Ljubljana Brnik (Slovenia) +37,6 °C (precedente record mensile e assoluto +37,3 °C del 03/08/2013).

Giovedì 8 agosto 2013
Ljubljana Bežigrad +40,2 °C (precedente record mensile +39,5 °C del 07/08/2013);
Murska Sobota +40,1 °C (precedente record mensile +38,4 °C del 13/08/2003; precedente record assoluto +39,8 °C del 05/07/1950);
Szombathely +39,7 °C (precedente record mensile +37,5 °C del 15/08/1952; precedente record assoluto +39,4 °C del 20/07/2007);
Maribor Slivnica +39,6 °C (precedente record mensile e assoluto +38,4 °C del 13/08/2003);
Budapest Pestszentlőrinc +39,4 °C (eguagliato il record mensile del 14/08/2003);
Varaždin +39,4 °C (precedente record mensile +38,7 °C del 18/08/2003; precedente record assoluto +39,3 °C del 05/07/1950);
Bratislava Ivanka +39,3 °C (precedente record mensile +37,9 °C del 19/08/1992; precedente record assoluto +38,2 °C dell’08/07/1957 e del 20/07/2007);
Hurbanovo +39,3 °C (precedente record mensile +39,0 °C del 20/08/2000);
Zagreb Gric +38,8 °C (precedente record mensile +38,0 °C del 24/08/2012);
Wien Hohe Warte +38,5 °C (precedente record mensile +37,6 °C del 13/08/2003; precedente record assoluto +38,3 °C dell’08/07/1957).
Ljubljana Brnik +38,1 °C (precedente record mensile e assoluto +37,6 °C del 07/08/2013);
Kraków Balice +37,3 °C (precedente record mensile e assoluto +36,7 °C del 29/08/1992);
Katowice Pyrzowice +37,2 °C (precedente record mensile e assoluto +36,0 °C del 29/08/1992);
Gospić +37,2 °C (precedente record mensile +36,8 °C del 03/08/1998);
Warszawa Okęcie +37,0 °C (precedente record mensile e assoluto +36,4 °C del 01/08/1994);
Ostrava Mošnov +36,9 °C (eguagliato il record mensile ed assoluto del 10/08/1992);
Poprad Tatry +33,9 °C (precedente record mensile +33,5 °C del 21/08/2000).

Martedì 20 agosto 2013
Vigo Peinador +37,8 °C (precedente record mensile +37,5 °C l’08/08/2003).

Estremi termometrici mensili ufficiali nazionali:
Temperatura massima mensile:
Latina Casal delle Palme (AM) +40,8 °C il 04/08/2013
Temperatura minima mensile:
Plateau Rosa (AM) -4,2 °C il 20/08/2013

© 2013 All rights reserved.

Print Friendly

Lascia un commento