Ottobre 2012

Toscana

Il mese di ottobre 2012 in Toscana si è caratterizzato per temperature al di sopra delle medie del periodo.
L’inizio del mese si caratterizzava per nuvolosità e precipitazioni in attenuazione, che costituivano la parte residua della fase perturbata iniziata nella notte compresa tra gli ultimi due giorni del precedente mese di settembre.
Successivamente aveva inizio una fase con condizioni di variabilità, alle quali faceva seguito dal giorno 9 al giorno 16 una fase maggiormente dinamica con il passaggio di alcune perturbazioni intervallate da temporanee pause. con precipitazioni più intense nella parte centro-settentrionale della regione: il giorno 9 si contraddistingueva per fenomeni precipitativi molto intensi e concentrati in tempi ristetti durante la mattina nell’area del Monte Serra, mentre il giorno 12 fenomeni intensi interessavano l’area di Pitigliano e le zone limitrofe.
In seguito andava rafforzandosi un campo di pressioni alte e livellate per la rimonta dell’anticiclone subtropicale africano che determinava un sensibile rialzo termico, il cui picco veniva raggiunto nei primi giorni della terza decade del mese con temperature nettamente superiori alle medie del periodo. Il giorno 21 si registravano alcuni nuovi record di temperatura massima decadale, tra i quali quelli della stazione LaMMA di Livorno Osservatorio Meteorologico con +27,7 °C (precedente +26,5 °C il 27/10/2006; record mensile +28,8 °C il 14/10/1990); della stazione AM di Pisa San Giusto con +26,4 °C (precedente +26,0 °C il 27/10/2006; record mensile +30,2 °C il 12/10/1990); della stazione AM Arezzo Molin Bianco con +25,0 °C (precedente +24,0 °C il 21/10/2004; record mensile +30,0 °C il 04/10/1962 e 12/10/1990), della stazione AM di Monte Argentario con +25,0 °C (precedente +23,4 °C il 27/10/2006; record mensile +28,4 °C il 05/10/2011); della stazione ARPA di Pracchia con +22,5 °C (precedente +21,9 °C il 24/10/1971 e 28/10/2006; record mensile +25,2 °C il 03/10/2011); eguagliato invece il record decadale della stazione ENAV di Firenze Peretola con +27,7 °C (stesso valore del 27/10/2006; record mensile +31,6 °C il 02/10/2011). Il giorno 22 la stazione AM di Arezzo Molin Bianco eguagliava il record decadale stabilito il giorno precedente, mentre la stazione AM di Elba-Monte Calamita con +23,0 °C eguagliava il record decadale del 27/10/2006 (record mensile +27,0 °C il 03/10/2011).
La fase anticiclonica terminava il giorno 25 e veniva seguita dal giorno 26 al giorno 28 da una fase perturbata con precipitazioni diffuse, inizialmente alimentata da un richiamo di aria calda e successivamente rinvigorita da un intenso afflusso di aria artica marittima in ingresso dalla Valle del Rodano il giorno 28, a cui faceva seguito un miglioramento con ampie schiarite tra il giorno 29 e il giorno 30. Mentre il giorno 26 fenomeni molto intensi in tempi relativamente ristretti tra il tardo pomeriggio e la sera venivano registrati nell’Orbetellano, la successiva irruzione di aria artica marittima faceva registrare numerosi record di temperatura minima mensile tra il giorno 28 e il giorno 30 presso numerose stazioni meteorologiche con serie storica limitata agli ultimi due/tre decenni.

Nel complesso il mese di ottobre ha chiuso sopra la media del periodo in gran parte del territorio regionale e con anomalie più marcate nelle temperature minime, nonostante l’intenso raffreddamento degli ultimi giorni del mese.
Gli scarti maggiori si sono verificati lungo l’Appennino fra le province di Massa e Carrara, Lucca e Pistoia, sull’Arcipelago Toscano e nel Livornese dove le anomalie positive hanno superato i 2 °C, con picchi di 3 °C sulle isole di Capraia, Pianosa e Montecristo; generalmente in media è risultata l’area compresa fra il basso Fiorentino, il nord del Senese e la parte centro-settentrionale del Grossetano, oltre alle zone dell’Aretino e sel Senese lungo il confine con l’Umbria; lievi anomalie negative si sono avute invece nella parte nord-occidentale del Chianti Senese.

Queste sono le anomalie delle temperature medie mensili elaborate rispetto alla media CLINO 1961-1990 (reanalisi elaborata dal Consorzio LaMMA).
Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Dal punto di vista precipitativo il mese ha chiuso sopra la media su tutto il territorio regionale eccetto la parte centrale della provincia di Grosseto e le zone più settentrionali della Romagna Toscana; le anomalie positive maggiori si sono concentrate nell’area a ridosso del Monte Serra, dove la mattina del giorno 9 si abbatteva un violento temporale, e sulla porzione settentrionale della provincia di Siena.

Queste le anomalie di precipitazione mensile elaborate sulla media 1996-2011 (reanalisi elaborata dal Servizio Idrologico Regionale per il report pluviometrico mensile).
Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Di seguito sono indicati i record di temperatura minima mensile registrati in Toscana; per ogni singola stazione meteorologica è indicato il relativo gestore.

Domenica 28 ottobre 2012:
Seravezza Cervaiole (Autorità di Bacino del Serchio/SIR) -1,1 °C (precedente -0,9 °C il 20/10/2007);
Campo Cecina-Colareta (ARSIA) -0,3 °C (precedente +0,3 °C il 20/10/2007);
Piazza al Serchio-Colognola (ARSIA) -0,1 °C (precedente 0,0 °C il 26/10/2003);
Camaiore Vallelunga (Autorità di Bacino del Serchio/SIR) +1,5 °C (precedente +3,4 °C il 21/10/2007);
Fosdinovo Belvedere (ARSIA) +2,8 °C (precedente +3,3 °C il 29/10/1997);
Livorno Valle Benedetta (SIR) +4,0 °C (precedente +5,0 °C il 27/10/2003);
Pietrasanta Strettoia (ARSIA) +5,1 °C (precedente +6,2 °C il 29/10/1997);
Gorgona (ARSIA) +5,2 °C (precedente +7,3 °C il 25/10/2003);
Livorno Stazione Mareografica (ISPRA) +7,1 °C (precedente +8,0 °C il 27/10/2003).

Lunedì 29 ottobre 2012
Passo delle Radici (ARSIA) -6,0 °C (precedente -5,6 °C il 21 e 22/10/2007);
Piancastagnaio Le Vigne (ARSIA) -2,7 °C (precedente -1,8 °C l’08/10/1994);
Vernio Sant’Ippolito (Centro di Scienze Naturali/ARSIA) -1,7 °C (precedente -0,9 °C il 26/10/2003);
Badia Tedalda (ARPA Emilia-Romagna) -1,0 °C (precedente -0,7 °C il 20/10/2007);
Pieve Santo Stefano-Macchione (ARSIA) -0,9 °C (precedente -0,3 °C il 15/10/2009);
Semproniano Corte Vecchia (ARSIA) +2,9 °C (precedente +3,3 °C il 28/10/1997).

Martedì 30 ottobre 2012
Passo delle Radici (ARSIA) -7,4 °C (precedente -6,0 °C il 29/10/2012);
Firenzuola Casanuova (ARSIA) -4,5 °C (precedente -3,2 °C il 20/10/2009);
Lago Paduli (ARPA Emilia-Romagna) -4,5 °C (precedente -4,0 °C il 30/10/1974);
Poppi Zoo (Comunità Montana del Casentino/ARSIA) -3,1 °C (precedente -2,1 °C il 26/10/2003);
Vernio Sant’Ippolito (Centro di Scienze Naturali/ARSIA) -3,0 °C (precedente -1,7 °C il 29/10/2012);
Pieve Santo Stefano (SIR) -2,6 °C (precedente -2,5 °C il 25/10/1970 e 22/10/1972);
Pieve Santo Stefano-Macchione (ARSIA) -2,4 °C (precedente -0,9 °C il 29/10/2012);
Anghiari Molin di Valle (ARSIA) -2,3 °C (precedente -2,2 °C il 20/10/2009);
La Verna (SIR) -2,3 °C (eguagliato il 21/10/2007);
Borgo San Lorenzo-Fabbroni (ARSIA) -2,1 °C (eguagliato il 20/10/2009);
Castiglion Fibocchi (ARSIA) -2,1 °C (precedente -1,0 °C il 15/10/2009);
Treppio (ARPA Emilia-Romagna) -2,1 °C (precedente -1,9 °C il 26/10/2003);
Vicchio-Villore (SIR) -1,9 °C (precedente -1,4 °C il 15/10/2009);
Pavana Diga (ARPA Emilia-Romagna) -1,8 °C (precedente -1,4 °C il 26/10/2003);
Santa Fiora-Bagnore (ARSIA) -1,8 °C (precedente -1,6 °C il 28/10/2010);
Chiusdino Pentolina (ARSIA) -1,3 °C (precedente +0,9 °C il 20/10/2009);
Badia Tedalda (ARPA Emilia-Romagna) -1,2 °C (precedente -1,0 °C il 29/10/2012);
Bagno a Ripoli-Poggio Casciano (ARSIA) -1,1 °C (precedente +0,3 °C il 26/10/1997);
Firenzuola Barco (ARPA Emilia-Romagna) -1,1 °C (eguagliato il 26/10/2003);
Stia Montalto (ARSIA) -1,0 °C (eguagliato il 20/10/2007);
Arezzo Ottavo (ARSIA) -0,9 °C (precedente +0,4 °C il 20/10/2009);
Greve in Chianti-Greti (ARSIA) -0,9 °C (eguagliato il 15/10/2009);
Pelago Altomena (ARSIA) -0,9 °C (precedente +0,9 °C il 20/10/2009);
Pontassieve Remole (ARSIA) -0,9 °C (precedente -0,8 °C il 26/10/2003);
Vaiano Le Mura (Centro di Scienze Naturali/ARSIA) -0,9 °C (precedente +0,3 °C il 26/10/2003);
Marciano della Chiana-Cesa Collina (ARSIA) -0,8 °C (precedente +0,3 °C il 20/10/2009);
Firenze Università (SIR) -0,6 °C (precedente -0,5 °C il 20/10/2009);
Barberino di Mugello-Mangona (SIR) -0,5 °C (precedente +0,4 °C il 26/10/2003);
Pian di Scò (SIR) -0,3 °C (precedente +1,1 °C il 15 e 20/10/2009);
Pistoia Santomato (ARSIA) +0,2 °C (precedente +1,0 °C il 26/10/2003);
Artimino Poggio alla Malva (ARSIA) +0,3 °C (precedente +0,4 °C il 20/10/2009);
Sesto Fiorentino-Case Passerini (SIR) +0,3 °C (precedente +0,4 °C il 26/10/2003);
Montepulciano Mazzapicchio (ARSIA) +0,5 °C (precedente +1,7 °C il 20/10/2009);
Prato Galceti Stazione Automatica (Centro di Scienze Naturali/ARSIA) +0,5 °C (precedente +1,6 °C il 26/10/2003);
Bagno a Ripoli-Lizzano (ARSIA) +0,6 °C (precedente +1,9 °C il 26/10/2003);
San Casciano in Val di Pesa (UCEA) +0,6 °C (precedente +2,4 °C il 26/10/2003);
Cerreto Guidi (ARSIA) +0,8 °C (precedente +1,1 °C il 20/10/2009);
Tresana Novegigola (ARSIA) +0,8 °C (precedente +0,9 °C il 29/10/1997);
Scandicci San Colombano (SIR) +0,9 °C (precedente +1,2 °C il 20/10/2009);
Sambuca Santa Cristina (ARSIA) +1,0 °C (precedente +2,0 °C il 15/10/2009);
Scandicci San Giusto (SIR) +1,0 °C (precedente +1,3 °C il 20/10/2009);
Montespertoli Casa Sartori (Publiambiente S.p.A./ARSIA) +1,1 °C (precedente +1,4 °C il 26/10/2003);
Firenze Città (ARSIA) +1,4 °C (precedente +2,1 °C il 20/10/2009);
Peccioli Legoli (Belvedere S.p.A./ARSIA) +1,5 °C (precedente +1,7 °C il 26/10/2003);
Tavarnelle San Donato in Poggio (SIR) +1,5 °C (precedente +2,1 °C il 20/10/2009);
Ripa d’Orcia-Poggio Grande (ARSIA) +1,7 °C (eguagliato il 22/10/2007);
Prato Città (Centro di Scienze Naturali/ARSIA) +2,1 °C (precedente +3,4 °C il 26/10/2003);
Prato San Niccolò (Fondazione Prato Ricerche) +2,3 °C (precedente +3,0 °C il 29/10/2010);
Livorno Stazione Mareografica (ISPRA) +6,3 °C (precedente +7,1 °C il 28/10/2012).

Estremi mensili regionali:
Temperatura massima mensile:
Firenze Città (ARSIA) +29,2 °C il 21/10/2012
Temperatura minima mensile:
Passo delle Radici (ARSIA)  -7,4 °C il 30/10/2012

 

Italia

Il mese di ottobre 2012 si è caratterizzato anche in Italia per temperature al di sopra delle medie del periodo anche in Italia. A livello precipitativo molte aree hanno chiuso con accumuli totali al di sotto delle medie, fatta eccezione per alcune aree tra Lombardia orientale, Emilia occidentale, Trentino-Alto Adige e settori settentrionali di Veneto e Friuli-Venezia Giulia che hanno chiuso il mese con un leggero surplus pluviometrico e per la Sicilia e gran parte della Sardegna (fatta eccezione per l’estremo settore meridionale) che hanno chiuso con accumuli pluviometrici superiori alle medie mensili.
Il mese aveva inizio con una fase perturbata soprattutto sulle regioni centrali e settentrionali e con la contemporanea presenza di una rimonta prefrontale dell’anticiclone subtropicale africano sulle estreme regioni meridionali, che il primo giorno del mese faceva registrare due record di temperatura massima mensile (Gela e Brindisi Casale) presso la rete di stazioni WMO italiane, contemporaneamente ai nuovi record di temperatura massima mensile che venivano registrati in area balcanica (tra i quali quelli di Dubrovnik e di Atene).
Nei giorni successivi le temperature sulle estreme regioni meridionali tendevano a diminuire, mentre il tempo andava gradualmente migliorando prima sulle regioni centrali e poi anche su quelle settentrionali: la fase di variabilità determinata da correnti occidentali faceva cadere un altro record di temperatura massima mensile (Ravenna Punta Marina) il giorno 7.
Successivamente, dal giorno 9 al giorno 16 si verificava una fase maggiormente dinamica col passaggio di alcune perturbazioni atlantiche intervallate da temporanee e brevi pause di maggiore stabilità.
Dal giorno 17 al giorno 25 il rafforzamento di un’area di alta pressione di origine subtropicale africana dava origine ad una fase di tempo stabile e soleggiato con temperature nettamente superiori alle medie del periodo (sulle zone alpine oltreconfine cadevano i record di temperatura massima mensile a Hohenpeißenberg il giorno 19 e sul monte Kredarika il giorno 21).
Dal giorno 26 aveva inizio una fase perturbata, inizialmente alimentata da un richiamo caldo e successivamente rinvigorita da aria artica marittima il giorno 28; tra il giorno 28 e il giorno 30 le temperature si portavano diffusamente al di sotto delle medie del periodo, con due nuovi record di temperatura minima mensile (Forlì Ronco e Latina Casal delle Palme) registrati il giorno 30 presso la rete di stazioni WMO italiane, mentre contemporaneamente in territorio estero venivano registrati nuovi record di temperatura minima mensile tra i quali anche quelli della stazione tedesca di Schnarrenberg presso Stoccarda, della stazione croata di Kozala a Fiume e della stazione slovena di Kočevje (record mensile eguagliato in quest’ultimo caso).
L’ultimo giorno del mese vedeva il transito di una nuova perturbazione atlantica con risalita termica e precipitazioni in intensificazione.

Di seguito sono indicati i record di temperatura massima mensile registrati presso le stazioni meteorologiche ufficiali WMO italiane.

Lunedì 1° ottobre 2012
:
Gela (AM) +33,0 °C (precedente +32,2 °C il 13/10/2000);
Brindisi Casale (AM) +31,6 °C (eguagliato il record mensile del 03/10/1994).

Domenica 7 ottobre 2012:
Ravenna Punta Marina (AM) +28,2 °C (precedente +28,0 °C il 04/10/2003 e 02/10/2006).

Di seguito sono indicati i nuovi record di temperatura minima mensile registrati presso le stazioni meteorologiche ufficiali WMO italiane.

Martedì 30 ottobre 2012:
Forlì Ronco (ENAV) -1,1 °C (precedente -1,0 °C il 23/10/1974);
Latina Casal delle Palme (AM) +2,4 °C (precedente +2,8 °C il 28/10/1963).

Estremi mensili ufficiali nazionali:
Temperatura massima mensile:
Lamezia Terme-Sant’Eufemia (ENAV) +33,1 °C il 01/10/2012
Temperatura minima mensile:
Plateau Rosa (AM) -17,6 °C il 28/10/2012

© 2012 All rights reserved.

Print Friendly

Lascia un commento